Il mercato di Ballarò si trova nel cuore del Centro Storico di Palermo, nelle vicinanze della Stazione Centrale e del Palazzo Reale ed è il luogo che esprime meglio l’anima multiculturale di Palermo.

Nel medioevo era il mercato delle carni pregiate, del pesce e delle spezie che arrivavano dal Deccan, trasportate dalle carovane che accedevano alla città proprio da Ballarò, costruito nella zona vicina alla moschea, sul modello dei suq arabi.

Ballarò è il più antico dei quattro mercati storici (Vucciria, Capo, Lattarini, Ballarò) e quello che ha resistito meglio al tempo, mantenendo il carattere dinamico e colorito di un mercato popolare, di giorno animato dalle bancarelle e la sera frequentato dai giovani universitari che si ritrovano nelle taverne per l’aperitivo.

Si sviluppa lungo l’asse che parte dai bastioni di Corso Tukory e arriva a via Vittorio Emanuele e via Maqueda, in una zona ricca di monumenti e chiese particolarmente importanti e suggestive. Negli utlimi anni il mercato si è arricchito della presenza delle comunità straniere, che hanno integrato le loro attività commerciali a quelle dei palermitani, imparando da loro la tecnica di vendita dell’abbanniata, il caratteristico richiamo dei venditori che cercano di attirare l’attenzione dei passanti.

Un giro a Ballarò è d’obbligo anche per chi vuole provare il famoso cibo di strada palermitano e scoprire che a Palermo il finger food esiste da sempre!

 

Servizio di Lineablu